ASPARTATO AMINOTRANSFERASI
ALANINA AMINOTRANSFERASI


Valori ematici normali: < 45 U / litro

 Sono due enzimi presenti nei tessuti e quasi assenti in condizioni normali nel sangue.


L'AST (GOT) catalizza la reazione reversibile:

L-aspartato + alfa-chetoglutarato ----------> L-glutammato + ossalacetato


L' ALT (GPT) catalizza la reazione reversibile:

L-alanina + alfa-chetoglutarato ----------> L-glutammato + piruvato


Perchè si eseguono queste analisi?
 L'aumento di concentrazione ematica del solo enzima AST indica che il soggetto in esame ha subito una crisi cardiaca. I livelli ematici di AST aumentano dopo 8 - 12 ore da un infarto, raggiungono il massimo dopo 24 - 48 ore per ritornare a valori normali dopo 4 - 7 giorni. I valori di AST e ALT aumentano in maniera concomitante nei casi di danno epatico (epatite). L'aumento nel siero può precedere di qualche settimana la comparsa dei sintomi (febbre, dolori muscolari, stanchezza e ittero). In questi casi una diagnosi di epatite di tipo virale può essere fatta solo dopo aver riscontrato la presenza nel siero del paziente degli antigeni virali.

Come si effettua il dosaggio?

  • Per dosare l'AST si usa l'enzima malato deidrogenasi che utilizza come substrato l'ossalacetato prodotto dall'AST. Quanto più acido malico si forma dall'ossalacetato ad opera della malato deidrogenasi tanto più è presente l'AST. Quindi la diminuzione di assorbanza a 340nm allo spettrofotometro misura l'attività enzimatica dell'AST.

  • Per dosare l'ALT si utilizza l'enzima lattico deidrogenasi che agisce sul substrato piruvato prodotto dall'ALT. Quanto più acido lattico si forma dal piruvato ad opera della lattico deidrogenasi tanto più è presente l'ALT. Quindi la diminuzione di assorbanza a 340nm allo spettrofotometro misura l'attività enzimatica dell'ALT.



    Homepage
     


    © 2001 Marco Olivieri